Damix: “Terni come provincia mi ha aperto a diverse possibilità di miglioramento”

Dopo il successo del primo singolo Regionali, tra amori finiti troppo in fretta e fugacità di momenti indimenticabili che non torneranno più, Damix torna a dare conferme con Jenga.

Damix, all’anagrafe Damiano Grasselli, debutta a soli diciotto anni con Regionali. Da Terni è pronto a prendere il treno per entrare nel mondo della musica e scalare le classifiche. Un sound giovane e contemporaneo, che abbraccia i toni della trap-pop, con note malinconiche, che riflettono lo stato d’animo dell’artista. Parole comuni, immediate, dirette e di uso quotidiano rievocano contesti sociali che ci trasportano nel mondo dell’autore e nei suoi sentimenti.

 Ciao Damix e benvenuto su Rifugio Musicale! Raccontaci di te, cosa fai quando non canti?

Ciao a tutti, ultimamente passo le mie giornate alternando le ore di studio a Netflix, è un periodo un po’ monotono e la scuola mi porta via più tempo del previsto.

Quali sono gli artisti che hanno maggiormente orientato e suggestionato la tua musica?

Onestamente sarebbe un elenco tropo lungo da fare ascoltando letteralmente di tutto, per semplificare un misto tra artisti indie e rap, che con tante influenze diverse hanno dato vita a quello che sono. Se dovessi fare proprio due esempi direi Carl Brave ed Ernia, per la loro particolare attenzione nei testi che sto cercando anche io di sviluppare

Sei un giovane artista di ternano. Quanto ha influito il tuo luogo di origine nella scrittura e nella tua musica? Cosa c’è di speciale in un luogo del genere?

Bella domanda. Terni non spicca come grande città musicale come Roma o Bologna ma al tempo stesso è riuscita a farmi maturare molto provenendo dalla provincia, aprendomi anche diverse possibilità di miglioramento.

“Jenga” è il tuo nuovo singolo. Ai fini di una buona riuscita di un pezzo, quanto credi sia importante l’aiuto e il supporto di un buon produttore? Cosa rappresenta per te questo brano?

Vorrei iniziare questa risposta ringraziando Bors, il mio produttore, il quale mi sta dando un enorme mano e sono fermamente convinto che senza il suo aiuto non sarei maturato così tanto. Mi ha aiutato ad avere un’idea più chiara di questo mondo musicale. Questo brano rappresenta un pezzo letteralmente un pezzo di me, un pezzo mancante dal mio cuore a forma di jenga il quale è stato tolto, se può rassicurarmi non sarà l’ultimo, vediamo finché non crollo, la prendo come una sfida.

Per un musicista emergente, quanto reputi sia importante partecipare ai contest? Perché?

I contest sono un ottimo trampolino di lancio poiché offrono un enorme visibilità, sarebbe bello provare a penderne parte, chi lo sa…

Parliamo di progetti futuri: cosa dobbiamo aspettarci dopo questo singolo?

Probabilmente un pezzo che ci faccia ballare in una discoteca sperando che tutto questo possa finire!!

Damix siamo arrivati ai saluti ed io ti ringrazio per essere stato con noi. Le ultime righe sono per te, saluta i lettori come preferisci. Ciao e a presto!

Voglio ringraziarti personalmente per aver letto le tante poche righe che ho buttato giù e spero ti possa passare del tempo ascoltando “Jenga” ovunque tu voglia. Seguimi su Instagram: ilthedamix e su Spotify: Damix.
Rimani in allerta per delle novità che potrebbero venire prima di quanto immagini!