Stasera prima tappa di Pechino Express 2022: 226 km in Cappadocia da Mustafapasa a Sultanhani

Stasera su Sky e in streaming su NOW, parte il viaggio di “Pechino Express”, la prima stagione targata Sky, con alla guida, confermatissimo, Costantino della Gherardesca. Nel corso della prima tappa di questa avventura lungo la “Rotta dei Sultani”, le 10 coppie in gara viaggeranno per 226 km in Cappadocia, da Mustafapasa a Sultanhani, con l’arrivo nel caravanserraglio locale. Il viaggio nelle dieci settimane del programma proseguirà tra Turchia, Uzbekistan, Giordania ed Emirati Arabi, fino alla finale che avrà luogo nella futuristica Dubai. Ecco le dieci coppie che compongono il cast:

Alex Schwazer e Bruno Fabbri sono “Gli Atletici”, Ciro e Giovambattista Ferrara “Padre e Figlio”, Barbascura X e Andrea Boscherini “Gli Scienziati”, Rita Rusic e Cristiano Di Luzio “I Fidanzatini”, Anna Ciati e Giulia Paglianiti “Le TikToker”, Victoria Cabello e Paride Vitale “I Pazzeschi”, Fru e Aurora Leone “Gli Sciacalli”, Nikita Pelizon e Helena Prestes “Italia-Brasile”, Bugo e Cristian Dondi “Gli Indipendenti” e Natasha Stefanenko e Sasha Sabbioni “Mamma e Figlia”.

La partenza della prima tappa è fissata a Mustafapasa, paesino nel cuore della Cappadocia, la straordinaria e affascinante regione della Turchia centrale: una pianura disseminata di incredibili formazioni rocciose, un luogo sorprendente dal punto di vista paesaggistico ma anche, e soprattutto, da quello culturale. Una regione piena di paesini che sembrano fermi nel tempo, dove l’agricoltura è l’attività principale e nessuno parla inglese. Una serie di missioni porterà le coppie a scoprire i luoghi e usanze più belli e le usanze più curiose, come quella di salutare chi parte tirandogli l’acqua. I viaggiatori arriveranno quindi nella città sotterranea di Mazi, dove affronteranno una durissima prova immunità, per poi spostarsi verso Sultanhani, dove ci sarà la conclusione della tappa nel caravanserraglio locale, uno degli edifici più imponenti della Turchia centrale.

Negli oltre 7000 km che compongono il percorso della gara di questa stagione, le coppie potranno contare su pochi elementi di base: solo uno zaino con una dotazione minima e 1 euro al giorno a persona in valuta locale. Ciò che farà la differenza saranno resistenza fisica e psicologica, abilità e intraprendenza, spirito di adattamento e anche quello di sopravvivenza, caratteristiche che saranno fondamentali in un’esperienza come “Pechino Express”.

Lungo la Rotta dei Sultani la gara si svilupperà con un forte spirito di competizione tra le eterogenee coppie in gara ma anche con l’enorme e impagabile stupore per la scoperta, con la gioia per la solidarietà (il premio finale è devoluto a sostegno di una ONG che opera con i suoi volontari nei paesi visitati da questa edizione) e con interazioni fortissime tra esseri umani, lontani tra loro per cultura e abitudini, capaci di collaborare e unirsi anche nelle condizioni più estreme.

La novità di questa stagione è che le coppie non solo si muoveranno in autostop e affronteranno duri percorsi a piedi, ma dovranno anche attraversare il deserto in dromedario e saliranno su treni, trattori, barche.